Passa ai contenuti principali

Bonus lavori 110%; la partita si gioca tutta (o quasi) sul solito fattore (economico): riuscire o meno a ottenere credito.

Diamo per scontato che, effettuata un’opportuna diagnosi energetica dell’immobile o edificio ci siano i requisiti per accedere al bonus in oggetto.

A questo punto si dovrebbe perfezionare il progetto di riqualificazione energetica individuando i materiali e le soluzioni tecniche più opportune, per poi quantificare il costo complessivo dei lavori.

Supponiamo allora che il costo complessivo dei lavori sia pari a 50.000 euro; tale costo comprenderà manodopera e fornitura di materiali. I lavori saranno eseguiti da tre ditte distinte, ciascuna dotata della propria specializzazione, requisito fondamentale per l’accesso al bonus.

A questo punto possiamo optare per tre soluzioni:

- detrazione Irpef dell’intero ammontare del costo dei lavori in cinque anni; cioè 5.000 euro annui da portare in detrazione Irpef nei successivi cinque anni;

- cessione del credito alle ditte esecutrici: se queste accettassero, il costo dei lavori sarebbe anticipato dalle imprese, le quali dovrebbero recuperarlo in cinque anni tramite detrazione fiscale; oltre alla detrazione dell’intero ammontare dei lavori, avrebbero diritto ad un ulteriore 10% di detrazione.

Supponiamo che:

    - l’impresa A debba eseguire lavori per un ammontare pari a 15.000 euro;

    - l’impresa B debba eseguire lavori per un ammontare pari a 20.000 euro;

    - l’impresa C debba eseguire lavori per un ammontare pari a 15.000 euro;

le imprese A e C porterebbero in detrazione quindi 3.000 euro + 300 euro (10%) annui, per i successivi cinque anni;

l’impresa B porterebbe in detrazione 4.000 + 400 (bonus) euro annui, per i successivi cinque anni.

- cessione del credito ad un istituto bancario, che finanzia l’esecuzione del progetto e matura il bonus (detrazione fiscale) del 110%.

Quest’ultima rappresenta la soluzione più comoda, semplice e auspicabile, in quanto solo gli istituti bancari possono portare in detrazione crediti (e anticipare costi di una certa rilevanza) che per il privato potrebbero essere sproporzionati rispetto al proprio regime di tassazione e che, per un’impresa edile, potrebbero esserlo altrettanto se cumulasse (come avverrebbe) molti lavori.  

Anche in assenza di linee guida specifiche, i conti sono dunque presto fatti: il bonus 110 parte solo con l’appoggio degli istituiti di credito; su questo si giocherà tutta (o quasi tutta, stante la possibilità o meno di usufruire tecnicamente dell'agevolazione) la partita.

Hai bisogno di una consulenza? Contattaci!


STUDIO SANTORO INGEGNERIA
www.ingiuseppesantoro.it

Resta aggiornato seguendo la nostra pagina Facebook Ⓡ:

https://www.facebook.com/ingiuseppesantoro/

VIETATA LA RIPRODUZIONE, ANCHE PARZIALE ©

Commenti

Post popolari in questo blog

Depurazione dell’aria da microorganismi, virus, batteri e inquinanti: come vivere in ambienti più sani e più igienici.

Per conseguire elevati standard ambientali, per quanto concerne l'aria che respiriamo, esistono sostanzialmente cinque tecniche di trattamento, molto spesso abbinate tra loro:
FILTRAZIONE DELL’ARIA.
È la procedura che consente di purificare l’aria trattenendo le polveri sottili in essa contenute; in particolare la filtrazione risulta efficace per ridurre le quantità di PM10 e PM2.5 dovute all’inquinamento ambientale da traffico veicolare e combustione di idrocarburi e sostanze di vario genere (tra cui anche il fumo da sigaretta). Possono inoltre abbattere concentrazioni di acari, pollini, muffe e altri allergeni contenuti nell'aria. I filtri utilizzati sono del tipo stratificato in microfibra e spesso includono uno strato di carboni attivi che facilita l’assorbimento degli inquinanti e riduce sensibilmente le sostanze odorigene contenute nell’ambiente.

La filtrazione dell’aria è attuata mediante purificatori d’aria dotati di filtri antipolvere e ad alta efficienza HEPA (High…

Ricerca cause di infiltrazioni d’acqua e perdite in tubazioni: tecniche e metodologie.

Premessa. 
La riuscita di ogni metodo diagnostico dipende dal contesto e pertanto, anche nei casi più semplici, dovrò considerare una certa probabilità di insuccesso. Per chiarire questo aspetto ai clienti, solitamente ricorro al alla similitudine del malato che deve sottoporsi ad una serie di indagini al fine di scoprire le cause del suo male; c’è il rischio, ed a volte accade, in effetti, che il medico curante possa prescrivere una serie di esami dai quali però non sia possibile risalire alle cause della patologia.

Nella ricerca delle infiltrazioni d’acqua o delle cause dell’umidità si può ricorrere a vari metodi diagnostici, tra i quali, i più diffusi, sono quelli della termografia, della geofonia e del rilevamento tramite gas o liquidi traccianti; vediamone le differenze sostanziali.
TERMOGRAFIA: tecnica che consente di rilevare anomalie lavorando nel campo dell’infrarosso; si avvale di uno strumento denominato termocamera, una sorta di “macchina fotografica”, in grado di rilevare l…

Le ristrutturazioni edilizie: guida alla classificazione secondo normativa – focus bonus facciate.

Nell'ambito della normativa relativa al risparmio energetico esiste una distinzione basata sul tipo di intervento previsto; per gli interventi di ristrutturazione edilizia, è infatti possibile distinguere, una ristrutturazione edilizia semplice da una ristrutturazione edilizia importante; rientrano nel secondo caso tutti gli interventi che riguardano la ristrutturazione dell’involucro edilizio che interessano una superficie lorda complessiva disperdente superiore al 25%.

Gli interventi di ristrutturazione importante comprendono, a loro volta, due sottocategorie:

ristrutturazioni importanti di primo livello – interessano oltre il 50% della superficie esterna disperdente e l’eventuale rifacimento dell’impianto di climatizzazione; i requisiti di prestazione energetica si applicano all'intero edificio e si riferiscono alla sua prestazione energetica relativa al servizio o ai servizi interessati;
ristrutturazioni importanti di secondo livello – interessano meno del 50% (e non meno de…