Passa ai contenuti principali

Adempimenti più stringenti per il nuovo certificato energetico trasmesso al catasto regionale: responsabilità e oneri di committenti e tecnici.

Le nuove modalità di trasmissione degli Attestati di Prestazione Energetica degli edifici (obbligatori per nuovi edifici, in caso di compravendite, affitto, riqualificazioni ed efficientamento energetico di edifici esistenti) presso il Catasto Energetico Regionale, prevedono che il tecnico certificatore (opportunamente abilitato), alleghi al certificato anche copia del libretto di impianto e del rapporto di controllo di efficienza energetica dello stesso.


Ora, può accadere che il libretto di impianto non sia disponibile o che sia scaduto il rapporto di controllo di efficienza energetica. In tal caso il certificatore, al fine di procedere alla redazione di un certificato energetico valido (APE), dovrà richiedere al committente la produzione della predetta documentazione. Tale documentazione deve essere prodotta da un tecnico installatore o da un tecnico manutentore (in occasione di una manutenzione dell'impianto). 


C'è di più: a partire dal 2014 bisogna redigere il cosiddetto "libretto di impianto unico", ovvero un libretto nel quale, oltre ai dati della classica caldaia, sono inclusi quelli di tutti gli altri eventuali impianti di climatizzazione presenti nell'immobile (indipendentemente dalla loro potenza). 

Così, ad esempio, se in una stanza dell'immobile è installato un banale condizionatore d'aria a 'split', anch'esso deve essere inserito nel predetto libretto. Qualora questo mancasse, il certificatore non potrebbe redigere l'APE poiché questo documento (da cui deriva una classe energetica dell'immobile che tiene conto anche dei sistemi di climatizzazione estiva), non corrisponderebbe ai dati indicati nel libretto d'impianto (da allegarsi al certificato energetico in fase di deposito dell'APE al Catasto Energetico di competenza). 

Tutto ciò comporta un nuovo onere per il committente (che è anche il responsabile degli impianti) e ulteriori responsabilità a suo carico, oltre che a carico del certificatore. 

Ad oggi, nella maggioranza dei casi, il libretto d'impianto è mal redatto. Nel caso di un vecchio impianto termico, il vecchio libretto andrebbe sostituito con il nuovo "modello di impianto unico" durante la prima occasione di manutenzione, ricordandosi di inserire anche i dati dei condizionatori d'aria, spesso ancora e troppe volte ignorati.
D'altronde ricordiamo che il fine di tutto questo è censire tutti gli impianti di climatizzazione posti a servizio di un immobile; non a caso esiste anche un catasto termico degli impianti che tiene traccia di questi dati, tramite il rapporto di controllo di efficienza energetica degli impianti termici, da eseguirsi periodicamente ed obbligatoriamente. 
Poi esiste il mondo delle agevolazioni fiscali per le nuove installazioni di impianti efficienti, laddove il beneficio è concesso previa comunicazione dei dati dei relativi impianti agli enti preposti. 

Un sistema di regole molto complesso, insomma, cui conviene ottemperare, pena incorrere in sanzioni e oneri facilmente rilevabili (grazie all'informatizzazione) che possono costare cari; attenzione dunque a chi promette di svolgere queste mansioni a basso prezzo; probabilmente è ignaro di quanto appena detto, e a pagarne le spese è anche il proprietario dell'immobile! 

Commenti

Post popolari in questo blog

Depurazione dell’aria da microorganismi, virus, batteri e inquinanti: come vivere in ambienti più sani e più igienici.

Per conseguire elevati standard ambientali, per quanto concerne l'aria che respiriamo, esistono sostanzialmente cinque tecniche di trattamento, molto spesso abbinate tra loro:
FILTRAZIONE DELL’ARIA.
È la procedura che consente di purificare l’aria trattenendo le polveri sottili in essa contenute; in particolare la filtrazione risulta efficace per ridurre le quantità di PM10 e PM2.5 dovute all’inquinamento ambientale da traffico veicolare e combustione di idrocarburi e sostanze di vario genere (tra cui anche il fumo da sigaretta). Possono inoltre abbattere concentrazioni di acari, pollini, muffe e altri allergeni contenuti nell'aria. I filtri utilizzati sono del tipo stratificato in microfibra e spesso includono uno strato di carboni attivi che facilita l’assorbimento degli inquinanti e riduce sensibilmente le sostanze odorigene contenute nell’ambiente.

La filtrazione dell’aria è attuata mediante purificatori d’aria dotati di filtri antipolvere e ad alta efficienza HEPA (High…

Ricerca cause di infiltrazioni d’acqua e perdite in tubazioni: tecniche e metodologie.

Premessa. 
La riuscita di ogni metodo diagnostico dipende dal contesto e pertanto, anche nei casi più semplici, dovrò considerare una certa probabilità di insuccesso. Per chiarire questo aspetto ai clienti, solitamente ricorro al alla similitudine del malato che deve sottoporsi ad una serie di indagini al fine di scoprire le cause del suo male; c’è il rischio, ed a volte accade, in effetti, che il medico curante possa prescrivere una serie di esami dai quali però non sia possibile risalire alle cause della patologia.

Nella ricerca delle infiltrazioni d’acqua o delle cause dell’umidità si può ricorrere a vari metodi diagnostici, tra i quali, i più diffusi, sono quelli della termografia, della geofonia e del rilevamento tramite gas o liquidi traccianti; vediamone le differenze sostanziali.
TERMOGRAFIA: tecnica che consente di rilevare anomalie lavorando nel campo dell’infrarosso; si avvale di uno strumento denominato termocamera, una sorta di “macchina fotografica”, in grado di rilevare l…

Le ristrutturazioni edilizie: guida alla classificazione secondo normativa – focus bonus facciate.

Nell'ambito della normativa relativa al risparmio energetico esiste una distinzione basata sul tipo di intervento previsto; per gli interventi di ristrutturazione edilizia, è infatti possibile distinguere, una ristrutturazione edilizia semplice da una ristrutturazione edilizia importante; rientrano nel secondo caso tutti gli interventi che riguardano la ristrutturazione dell’involucro edilizio che interessano una superficie lorda complessiva disperdente superiore al 25%.

Gli interventi di ristrutturazione importante comprendono, a loro volta, due sottocategorie:

ristrutturazioni importanti di primo livello – interessano oltre il 50% della superficie esterna disperdente e l’eventuale rifacimento dell’impianto di climatizzazione; i requisiti di prestazione energetica si applicano all'intero edificio e si riferiscono alla sua prestazione energetica relativa al servizio o ai servizi interessati;
ristrutturazioni importanti di secondo livello – interessano meno del 50% (e non meno de…