Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2020

Depurazione dell’aria da microorganismi, virus, batteri e inquinanti: come vivere in ambienti più sani e più igienici.

Per conseguire elevati standard ambientali, per quanto concerne l'aria che respiriamo, esistono sostanzialmente cinque tecniche di trattamento, molto spesso abbinate tra loro:
FILTRAZIONE DELL’ARIA.
È la procedura che consente di purificare l’aria trattenendo le polveri sottili in essa contenute; in particolare la filtrazione risulta efficace per ridurre le quantità di PM10 e PM2.5 dovute all’inquinamento ambientale da traffico veicolare e combustione di idrocarburi e sostanze di vario genere (tra cui anche il fumo da sigaretta). Possono inoltre abbattere concentrazioni di acari, pollini, muffe e altri allergeni contenuti nell'aria. I filtri utilizzati sono del tipo stratificato in microfibra e spesso includono uno strato di carboni attivi che facilita l’assorbimento degli inquinanti e riduce sensibilmente le sostanze odorigene contenute nell’ambiente.

La filtrazione dell’aria è attuata mediante purificatori d’aria dotati di filtri antipolvere e ad alta efficienza HEPA (High…

Come e quanto deumidificare un ambiente umido: pro e contro dei più comuni sistemi in commercio; VMC, Climatizzazione e Deumidificazione.

Un cliente chiede di verificare le condizioni ambientali di un piccolo monolocale in cui è installata una vasca idromassaggio; in particolare, si vuole evitare che nella stanza si verifichi eccessiva umidità, che possa pregiudicare la salute e il comfort degli occupanti.

Preliminarmente, facciamo riferimento agli standard relativi ai ricambi dell’aria consigliati negli ambienti in base alla loro destinazione d’uso; secondo i medesimi, in un semplice bagno dovrei assicurare almeno 8 volumi l’ora; per un ambiente domestico, quale un soggiorno, ad esempio, i ricambi d’aria si riducono a 4 volumi l’ora; per piscine coperte, i ricambi d’aria consigliati sono pari a 20 volumi l’ora. Quest’ultimo valore sembra inizialmente eccessivo e quindi mi addentro verso alcune considerazioni tecniche, al fine di verificare se le predette indicazioni sono attendibili e valide nel caso in oggetto.

Parte dell’acqua calda contenuta nella vasca evapora nell'ambiente, andando gradualmente ad incrementa…

Come l’energia reattiva incide sui costi dell’energia elettrica.

Cos'è l’energia reattiva.
La nostra rete elettrica è caratterizzata da una corrente alternata di tipo sinusoidale avente una frequenza pari a 50 Hertz; questa corrente viene utilizzata per gli usi più disparati, quali l’alimentazione di elettrodomestici, di motori e macchinari di vario genere, dell’illuminazione (utilizzatori).

Tuttavia, non tutta l’energia elettrica somministrata ad un utilizzatore può essere trasformata in energia utile; ad esempio, un motore elettrico potrà assorbire 1 Kw ma rendere, sotto forma di energia meccanica, solo 800 watt; la potenza utile fornita viene denominata energia reale o energia attiva, per distinguerla da quella parte di energia che non produce alcun effetto utile, denominata energia reattiva. Energia attiva ed energia reattiva concorrono a determinare la cosiddetta potenza apparente; lo sfasamento tra tensione e corrente determina il cosiddetto fattore di potenza, in base al quale è possibile stabilire la quota parte di energia reattiva (non…